Padergnone, l'incendio scoppiato per un caricabatteria del telefono

Sarebbe un corto circuito partito da un caricabatteria del cellulare lasciato attaccato alla corrente la causa del rogo che ha distrutto la palazzina ex Enel a Padergnone nella valle dei Laghi

Sarebbe un corto circuito partito da un caricabatteria del cellulare lasciato attaccato alla corrente la causa del rogo che ha distrutto la palazzina ex Enel a Padergnone nella valle dei Laghi. Nel frattempo si sta facendo una prima conta dei danni, che ammonterebbero a circa un milione di euro.

 
Il rogo è partito dal tetto, distruggendo completamente tre appartamenti e danneggiandone altri due. Rimane inagibile comunque tutta la palazzina. Dieci le famiglie evacuate che sono state accolte da parenti oppure ospitate in alberghi e strutture della zona. Per sistemare e mettere in sicurezza gli appartamenti meno danneggiati al pianterreno serviranno alcune settimane. Servirà invece almeno un anno per la ricostruzione degli appartamenti distrutti.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

Torna su
TrentoToday è in caricamento