Malga Albi distrutta dalle fiamme, la nuova gestione era pronta ad aprire

A dare l'allarme è stato il gestore, quando ormai le fiamme stavano divorando la struttura. Il sindaco: "Cortocircuito ipotesi molto remota"

Malga Albi distrutta dall'iincendio, questa mattina (foto VVFF Garniga)

"L'ipotesi di un cortocircuito è remota, lascio a chi di dovere i commenti e confido nella buona riuscita delle indagini". A  parlare è Valerio Linardi, giovane sindaco di Garniga, ed anche vigile del fuoco. L'incendio che ha distrutto malga Albi questa mattina all'alba lascia una profonda ferita in tutta la comunità, ed una fitta coltre di dubbi e sospetti.

Dopo la vecchia gestione, che aveva disdetto il contratto nell'ottobre 2012, Malga Albi era rimasta vuota ma un nuovo bando l'avrebbe riportata in attiività a breve. Il contratto era stato firmato nell'agosto 2017, ultimate alcune questioni burocratiche le chiavi sono state consegnate nello scorso ottobre. L'idea, sembra, era quella di aprire i battenti a Natale, poi l'apertura era slittata.

E' stato  il nuovo gestore, salito questa mattina alla malga, a dare l'allarme vedendo le fiamme che già stavano divorando la struttura. Circa sessanta i Vigili del Fuoco intervenuti sul posto, provenienti dai corpi volontari di Garniga, Cimone, Aldeno e Romagnano e dal corpo permanente di Trento. Operativo anche l'elicottero provinciale, che ha portato sul posto uomini ed attrezzature.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

Torna su
TrentoToday è in caricamento