Combattere il tumore con lo screening: la Giunta dà il via libera all'HPV test

Nuova tecnologia nel sistema sanitario provinciale per prevenire e combattere il tumore del collo dell'utero nelle donne tra i 30 ed i 65 anni: si tratta dell'HPV test, esame più accurato e specifico rispetto al PAP test. La campagna di screening prevede esami quinquennali

Una nuova tecnologia nel sistema sanitario provinciale per prevenire e combattere il tumore al collo dell'utero, malattia che colpisce ogni anno circa 3500 donne in Italia, secondo l'Airtum, l'Associazione italiana dei registri sui tumori, rappresenta il 5% dei casi di tumori diagnosticati alle donne. Le tecniche di screening, si sa, hanno fatto passi da gigante nell'ultimo decennio e la prevenzione è il settore su cui più punta ilmondo della sanità, pubblica e privata. La delibera approvata ieri dalla iunta provinciale, su proposta dell'asessore Donata Borgonovo Re, dà il via libera all'introduzione dello screening molecolare come test di primo livello per le donne di età superiore ai 30 anni, che saranno chiamate dall'Apss ad eseguire lo screening ad intervalli quinquennali, fino a 65 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di un test HPV, ovvero basato sul riconoscimento del Papillomavirus umano, legato all'insorgenza del tumore, che potrebbe presto sostituire il PAP test. Le modalità di prelievosono simili, praticamente indolori, ed l presenza del virus viene ricercata nel DNA, a livello molecolare, delle cellule analizzate. Il virus rappresenta un campanello d'allarme per successivi approfondimenti sul rischio che la malattia si presenti in futuro. Secondo quanto riporta una nota che accompagna la delibera esiste una chiara evidenza scientifica sulla validità e l'efficacia, nella prevenzione del tumore al collo dell'utero, del test per la ricerca dei ceppi ad alto rischio del papilloma virus umano (HPV): questo tipo di esame è ritenuto più efficace come test primario rispetto allo screening basato sulla citologia tradizionale, ovvero il pap-test, nel prevenire i tumori di questo tipo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

Torna su
TrentoToday è in caricamento