Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Inaugurato in Mali l'Hotel de la Paix delle Acli finanziato dalla Provincia: accoglienza per 50 ragazze

Inaugurato nei giorni scorsi l'Hotel de la Paix sulla strada tra Bamako, la capitale, e Timbuctu, in un Paese diviso in due

E' stato inaugurato nei giorni scorsi a Sevarè in Mali l'Hotel de la Paix, frutto di un progetto di soliarietà internazionale dell'IPSIA, l'Istituto Pace Sviluppo e Innovazione delle Acli, finanziato dalla provincia autonoma di Trento in collaborazione con l'associazione locale Giru Yam. 

Si tratta di una struttura di accoglienza femminile che potrà ospitare fino a 50 ragazze fornendo loro un posto sicuro dove vivere e studiare. La città di Sevarè si trova infatti a metà strada tra Bamako, la capitale, e Timbuctu, in uno Stato diviso in due: la regione a nord, verso il Sahara, dopo essere stata dichiarata indipendente nel 2012 dal Movimento Nazionale di Liberazione dell'Azawad, laico e democratico, è ora in mano ad indipendentisti tuareg pericolosamente vicini a gruppi fondamentalisti, mentre il sud è controllato dall'esercito governativo con un forte appoggio francese. La strada di Sevarè è quindi percorsa dai profughi che si muovono da nord verso sud, tra cui moltissime donne, a cui l'Hotel de la Paix potrà fornire accoglienza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato in Mali l'Hotel de la Paix delle Acli finanziato dalla Provincia: accoglienza per 50 ragazze

TrentoToday è in caricamento