rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca San Giuseppe / Piazza Giovanni Battista Garzetti

Hobbisti, petizione respinta: servirà il tesserino

Respinte al mittente le duemila firme dell'Associazione Hobbisti "creativi" che chiedeva regole diverse, senza il limite massimo di 10 eventi all'anno, per chi vende oggetti realizzati personalmente a mano. Il presidente degli artigiani De Laurentis: "Fanno concorrenza sleale a chi ha un'attività imprenditoriale"

Anche chi vende il oggetti realizzati a mano per partecipare ai mercatini dovrà munirsi del tesserino, necessario dopo l'introduzione delle nuove regole varate dalla Giunta in materia. Non è stata accolta la petizione portata all'attenzione della seconda commissione consiliare dall'Associazione Hobbisti Trentini, che chiedevano di essere esonerati dal tesserino, per distinguersi dagli altri venditori ambulanti, che trattano oggetti artistici non auto-prodotti, oppure merce usata.

Munirsi di tesserino significa anche per loro poter partecipare a mercati e fiere solamente 10 volte all'anno, con tutte le limitazioni previste dalle nuove norme (clicca qui). La petizione era stata osteggiata da Confcommercio, Confesercenti e dall'Associazione Artigiani il cui presidente,  Roberto De Laurentis, ha definito "concorrenza sleale" quella esercitata dagli hobbisti che "non sono sottoposti ad Iva nè ad altre imposte". Il priincipio di occasionalità sarà  un requisito necessario per ottenere  il tesserino obbligatorio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hobbisti, petizione respinta: servirà il tesserino

TrentoToday è in caricamento