Rovereto: si va per funghi per i 50 anni del Gruppo Micologico

Il Gruppo Micologico Barbacovi compie 50 anni e vuole festeggiare con una serata di studio giovedì 12 ed escursioni aperte a tutti nelle mattinate di venerdì, sabato e domenica

Compie 50 anni il Gruppo Micologico "G. Barbacovi" di Rovereto e vuole festeggiare con un convegno scientifico e ben tre mattinate di escursioni aperte a tutti. Appassionati e curiosi potranno seguire gli esperti del Gruppo Micologico a caccia di funghi nei boschi sopra Rovereto presentandosi alle 8.30 presso il piazzale dello Stadio Quercia nelle mattinate di venerdì 13, sabato 14 e domenica 15 settembre. Il pomeriggio sarà dedicato al riconoscimento e allo studio dei funghi raccolti con la relazione dei micologi. 

Giovedì 12 alle 20.30 presso la sala conferenze della Fondazione Cassa di Risparmio ci sarà una serata di approfondimento con il comitato scientifico del Gruppo: Bellù Francesco da Bolzano; Vizzini Alfredo da Torino; Bizio Enrico da Venezia; Simonini Gianpaolo da Reggio Emilia; Bersan Franco da Trieste; Donini Marco da Trento; Floriani Marco da Trento ed il custode forestale Macchiella Alessandro. 

Il Gruppo Micologico e Protezione Flora “G.Barbacovi”, nasce nell’anno 1963 quando Gilio Marisa e Luigi Gazzi, soci entrambi del Gruppo “G.Bresadola” di Trento, creano una sezione roveretana associata. Con il massimo entusiasmo viene realizzata la prima Mostra del Fungo, dal 13 al 15 ottobre 1963. Mostra che riscuote un notevole successo e afflusso di visitatori, con particolare presenza di tutte le scuole elementari e madie della città.Dopo questa Mostra la sezione roveretana decide di intraprendere il cammino autonomo. Gazzi si impegna nell’iniziativa e predispone regolari incontri con i primi soci, trovando appoggio presso la Pro Cultura roveretana. Con i contributi della Pro Cultura del Museo Civico e del Comune di Rovereto vengono acquistati i primi volumi specialistici, ed il primo microscopio.


Gazzi propone di dedicare alla nuova Associazione il nome de  Dott. Guido Barbacovi. Il dott. Guido Barbacovi al quale il nostro Gruppo e dedicato, nasce a Taio, in Val di Non, si laurea a Vienna in medicina, esercita l’attività di medico condotto, prima a Lavarone e poi a Malè. Amante della natura si dedica con passione alla Micologia, autodidatta attinge alle opere del grande Giacomo Bresadola, ne diventa discepolo e amico, compagno di escursioni e studi. Studia e classifica di un raro e delicatissimo fungo cavernicolo, allora ancora sconosciuto, descrivendolo in una sua pubblicazione: G.Barbacovi: Funghi cavernicoli. Descrizione di un a specie di Ascomicete. (Studi Trentini di Scienze Naturali, Annata XXXI, fasc. 1-2, 1954). Viene a mancare il 6 gennaio 1955.

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Si schiantano e rimangono incastrati sotto lo scooter: arrivano i Vigili del Fuoco con le pinze idrauliche

Torna su
TrentoToday è in caricamento