Posti di blocco segnalati via Whatsapp, la polizia locale: "Così si aiutano i furbi"

Al posto della datata "sfanalata" oggi la voce corre sui social network, la polizia locale interviene sul fenomeno dei gruppi Whatsapp che segnalano la presenza delle forze dell'ordine

"Giocare a guardie e ladri sulla strada è davvero un comportamento che favorisce la serenità dei cittadini?". A chiederlo è la Polizia locale delle Giudicarie che interviene sui social network contro i gruppi in cui gli iscritti possono segnalare agli altri membrila presenza di autovelox e posti di blocco in una determinata zona. Quello che una volta era la classica "sfanalata" si è trasformata in un'allerta che in pochi secondi può fare il giro di tutta la valle, un metodo per evitare multe e guai, certo, ma che potrebbe anche permettere a qualche furbetto di farla franca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' il caso della conversazione riportata proprio dalla Polizia locale su facebook (vedi foto) che molto probabilmente ha permesso ad un veicvolo non assicurato di circolare sulle strade delle Giudicarie. "Chi ha fondato e partecipa a questi gruppi, inconsciamente, ammettendo al gruppo chiunque ne faccia richiesta perché amico dell’amico, rischia di aiutare chi si mette al volante senza assicurazione, o in condizioni psicofisiche non perfette. Questi comportamenti ricadono sui cittadini onesti, su chi ha subito un furto, magari su chi subisce un danno scontrandosi con chi guida senza assicurazione o ubriaco". polizia-33polizia 2-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • M49 e JJ4: online la mappa per sapere dove sono

  • Dopo il caldo arrivano i temporali (anche forti): le previsioni per il weekend

  • 'Carne coltivata', è trentina l'unica azienda a occuparsene in Italia

  • Via Belenzani "bombardata": ecco le foto (ed il motivo)

  • Covid: tre dipendenti contagiati, albergo in "quarantena"

  • Migliaia di metri cubi di fango, roccia e alberi franano in valle: intervengono protezione civile e vigili del fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento