Malore per gli studenti in gita a Folgarida: il norovirus era nelle maniglie

I ragazzi lo hanno contratto dopo aver toccato il portone della hall e i bagni comuni

Repertorio

È stato il norovirus presente nelle maniglie dell'hotel a fare star male decine di studenti in gita a Folgarida, Val di Sole, a fine gennaio e febbraio. Dopo le indagini per capire cosa avesse causato il malessere dei ragazzi, la conferma è arrivata a Maria Costanza Petrini, dirigente scolastica del Federico II di Jesi, uno degli istituti che si trovavano in settimana bianca in Trentino.

L'ipotesi del norovirus, già la più accreditata dopo una prima indagine epidemiologica, si è rivelata corretta: il virus non era però presente nell'acqua o nel cibo - riporta RaiNews - come si sospettava all'inizio, ma nelle maniglie delle porte dell'albergo, in particolare nella hall e nei bagni comuni.

Dopo i molteplici casi di quella che si pensava essere un'intossicazione, l'hotel aveva chiuso, Nel frattempo però ha riaperto. Adesso starà ai genitori dei ragazzi decidere se e in che modalità chiedere un risarcimento per i danni subiti dai figli.

Cos'è il norovirus

Il norovirus è un agente infettivo che si propaga direttamente da persona a persona oppure tramite alimenti contaminati ma soprattutto per contatto con superfici contagiate. Questo virus ha infatti una particolare resistenza all’esterno del corpo umano e può resistenre nell’ambiente fino a 15 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento