A Tonadico giovani architetti "rock" da tutto il mondo

Arrivano da Ucraina, USA, UK, Polonia e persino Armenia i partecipanti al Campo SAZ che per una settimana ha riunito giovani architetti e designer impegnati nella realizzazione di opere di arredo urbano,dalla fase di progettazione fino alla costruzione delle strutture che verranno lasciate al Comune

In questi giorni il paese di Tonadico è in fermento per il festival musicale SotAlaZopa 2013 che porterà nella vallata del Primiero alcune delle band più famose del panorama indipendente italiano. Ma il rock non è il solo elemento di questa kermesse che sta diventando ogni anno più coinvolgente sotto diversi punti di vista. Quest'anno infatti il weekend musicale è stato preceduto da una settimana di "campeggio" per architetti e designer da tutto il mondo: 12 giovani si sono dati appuntamento a Tonadico da Polonia, Ucraina, Armenia, Regno Unito, Usa, e naturalmente Italia. Sette giorni, gratuiti, di workshop e laboratori di progettazione con la soddisfazione di vedere realizzate le proprie idee: un piccolo teatro ed una casetta in legno.

Una cosa che non capita spesso: "il SotAlaZopa è sempre più una calamita per migliaia di persone che vengono qui a sentire buona musica in un posto straordinario dal punto di vista paesaggistico, quest'anno abbiamo voluto offrire qualcosa di più" spiega Andrea Simon, ingegnere, tra gli organizzatori del festival e responsabile del "Campo SAZ". I partecipanti sono tutti giovani, chi studente chi già professionista, ed hanno vissuto insieme per una settimana, confrontandosi sulle idee e toccando con mano i propri progetti, una cosa che non capita spesso: "nella maggior parte dei casi i concorsi di idee non portano a niente, personalmente ho partecipato a concorsi che richiedono un impegno anche notevole per poi finire in un nulla di fatto, una pratica a dir poco scandalosa" prosegue Andrea "qui non ci sono premi, non c'è competizione, si lavora insieme e si realizzano delle strutture in legno che verranno adottate dall'amministrazione comunale come arredo urbano: credo che non ci sia soddisfazione più grande".

In una settimana il "team" del Campo SAZ ha costruito il piccolo "teatro urbano" dove si esibiranno i cantautori del festival, installato in una delle piazzette più suggestive del paese, ed una stazione di aterraggio per il campo di paracadutismo, nel prato dove si svolgerà la manifestazione. "E' un'esperienza bellissima, che ha permesso ad ogni partecipante di confrontarsi non solo con colleghi da varie nazioni ma anche con gli artigiani locali, per toccare con mano i materiali e vedere realizzate le opere": strutture in legno (nelle foto il lavoro ancora in fase di realizzazione, clicca qui) eco-compatibili, secondo la filosofia che regola tutto il festival dall'uso di prodotti locali alla raccolta differenziata dei rifiuti durante il festival, e studiate per integrarsi con l'architettura del paese.

Un paese, quello di Tonadico, che ha dimostrato negli anni di credere molto nell'iniziativa dei suoi cittadini più giovani: "per il campo abbiamo ricevuto un piccolo finanziamento dal Comune, così come da sponsor privati, ma ciò che conta di più è che questi enti pubblici o privati hanno avuto fiducia in noi, nel nostro modo di fare le cose" dice Andrea "ed è stata una scommessa vinta: sembra incredibile che una neo-laureata in architettura, che ha visto il nostro campo su internet, sia venuta dall'Armenia fino a Tonadico, così come altri dall'Ucraina o dagli USA". Di certo non sono archi-star visto che si accontentano di dormire in tenda, immersi in un panorama tra i più belli del mondo, a due passi dalle Dolomiti, dove si godranno infine il concerto sul palco di legno costruito insieme. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto precipita nella scarpata: morta ragazza di 18 anni

  • Alla guida completamente ubriaca provoca incidente davanti ai carabinieri

  • Scivola e precipita in un dirupo: donna muore sotto gli occhi del marito

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Boscaiolo morto a Tione: è Paolo Valenti, papà di tre figli ed ex calciatore

Torna su
TrentoToday è in caricamento