Il giornalista Gianni Mura vittima di estorsione per anni: arrestato fan residente in Trentino

Era riuscito a farsi dare oltre 60mila euro

Gianni Mura

Nel tempo era riuscito a farsi versare dal giornalista Gianni Mura, morto a marzo 2020, 6.500 euro. Denaro che gli estorceva minacciando di morte lui e la moglie del giornalista. Protagonista F.G., un 47enne di Verona ma residente a Cles, che è stato arrestato con l'accusa di estorsione e minacce.

L'uomo, che ora ai domiciliari, secondo le indagini dei carabinieri di Milano avrebbe minacciato il giornalista per anni. I tentativi di estorsione sarebbero continuati anche dopo la morte del giornalista, nei confronti della moglie. È stata lei stessa a presentarsi ai carabinieri per denunciare quanto accaduto. Si ritiene però che il denaro estorto sia molto di più. Accertamenti sono in corso.

I pagamenti sarebbero iniziati dopo che lo stesso Mura aveva accettato di aiutare questa persona non solo versandogli dei soldi, ma anche aiutandolo a trovare un lavoro. Uno stipendio che non soddisfaceva l'uomo e che avrebbe dato il via all'escalation di minacce e richieste di denaro in tranche da 2 a 5mila euro per volta.

Le minacce a Gianni Mura

"O mi dai 5mila euro - scriveva in uno dei messaggi inviati a Mura - o verrò a Milano e farò fuori te o Paola". E ancora: "Mi dai 5mila euro domani o ti getto per sempre con uno sputo in faccia nella fossa comune dei morti maledetti o ti scateno addosso un tale esercito di violenza quale non ha mai veduto".

Minacce che sono proseguite nel corso del tempo fino a marzo 2020, quando la persona ha deciso di alzare il tiro e scrivere: "30mila euro subito sul mio conto entro lunedì 9 marzo 2020. Sarò buono, sei fortunato anche qui Gianni, e non cattivo. Sei disposto a rinunciare a P. in cambio della somma sopracitata?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento