rotate-mobile
Lutto

La drammatica storia di Giada, morta per un cancro a soli 34 anni

La scoperta della malattia dopo essere caduta dagli sci e aver fatto alcuni accertamenti

Aveva solo 34 anni Giada Vighini, la giovane donna stroncata dalla malattia, era di Seriole di Asola, nell'Alto Mantovano. Giada aveva scoperto da pochi mesi la sua malattia. Dopo essere caduta durante una sciata, ha fatto alcuni accertamenti medici e ha scoperto la matlattia: un cancro contro il quale ha lottato tra ricoveri e chemioterapie, ma che non le ha purtroppo lasciato scampo. 

Si è spenta in casa, nell'abbraccio dei suoi familiari. Lascia nel dolore il padre Angelo, imprenditore agricolo, la sorella Valentina con Marco, Emanuele. La salma riposa nella sua abitazione in località Seriole Campagnotti: il funerale sarà celebrato martedì mattina alle 9.30 nella cattedrale di Asola, poi si proseguirà per il cimitero locale.

Il ricordo

Lavorava alla Montana Alimentari di Gazoldo degli Ippoliti: solo pochi anni fa aveva perso la madre Maria Pia. Tantissimi i messaggi di cordoglio: "Ricordo come fosse ieri il giorno in cui ti ho conosciuto - scrive Lorena - Da allora ne abbiamo combinate davvero tante: tu con la sua solarità e la tua voglia di vivere travolgevi chiunque ti fosse intorno. Tu che sapevi sempre cosa dire e come guardare positivamente ogni situazione. Tu con la tua forza d'animo e il tuo coraggio, con la luce che ha sempre brillato in quei grandi occhi e in quel dolce sorriso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La drammatica storia di Giada, morta per un cancro a soli 34 anni

TrentoToday è in caricamento