La vaschetta del gel igienizzante delle mani è piena di zanzare

Stazione ferroviaria di Calceranica, quelle che vedete sono zanzare morte

La vaschetta del gel igienizzante diventa un "cimitero" di zanzare. La foto, inviataci da un lettore, parla da sola. E' stata scattata domenica 21 giugno alla stazione di Calceranica, sulla linea ferroviaria della Valsugana. Il gel che dovrebbe servire a disinfettare le mani prima di salire a bordo è inservibile.

Oltre a testimoniare un grave disservizio la scena è particolarmente disgustosa, specialmente in un momento come questo in cui le persone sono diventate molto più sensibili riguardo all'igienizzazione delle mani. Operazione, oltretutto, obbligatoria per accedere a luoghi aperti al pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

8ce39a4f-b041-4512-8eb6-6dfee7dcfc68-2

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Valfloriana: auto e moto a fuoco dopo lo schianto, una persona ha perso la vita

  • Valfloriana, incidente mortale: motociclista muore carbonizzato

  • Covid, picco di contagi in Trentino: 76 nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus: 32 nuovi casi, ci sono altri 3 contagiati nelle scuole

  • Studente positivo asintomatico: isolati compagni di classe ed insegnanti

  • Paura al Serd: minaccia di morte una dottoressa poi con un coltello buca le ruote ad un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento