menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calliano: nuovo attacco anarchico ad un gazebo leghista

Nuovo episodio di intolleranza nei confronti di un gazebo della Lega Nord, questa volta a Calliano. Gazebo distrutto anche questa volta - come in piazza Duomo - e un militante di 73 anni, Silvano Michelotti, minacciato

Nuovo episodio di intolleranza nei confronti di un gazebo della Lega Nord, questa volta a Calliano, uno delle sette località del Trentino dove oggi il Carroccio aveva organizzato dei presidi. Gazebo distrutto anche questa volta da un gruppetto di anarchici - come in piazza Duomo - e un militante di 73 anni, Silvano Michelotti, minacciato. Fortunatamente non c'è stata violenza fisica e non ci sono stati feriti. "Anche questa volta, vigliaccamente, volevano prendersela con un anziano, ma non è accaduto perché eravmo diversi al gazebo - racconta il segretario Maurizio Fugatti - . Sono dei vigliacchi. Dopodiché, se pensano che queste azioni o la loro presenza possano fermare l'attività della Lega si sbagliano di grosso. Noi oggi siamo in piazza Duomo, a Condino, a Mezzocorona, a Bezzecca, Albiano e Mori. Sabato i gazebo saranno venti. Che ci provino: basta che non tocchino gli anziani, perché la prossima volta le prendono".

"Siamo preoccupati, perché a Trento si arriva mettere in dubbio la possibilità che un partito possa esprimere le sue idee: noi non abbiamo la presunzione di sostenere che le nostre proposte debbano piacere a tutti, ci mancherebbe. Però rivendiachiamo il diritto di esprimerle e se queste persone ritengono di non farcelo fare si sbagliano di grosso", conclude Fugatti.

"Non esacerbare i toni e manifestare le proprie idee nel rispetto di quelle altrui, nella consapevolezza che è proprio la diversità delle posizioni che costituisce l'essenza della democrazia". Con queste parole il presidente della Provincia autonoma di Trento, Alberto Pacher, interviene in merito all'episodio verificatosi a Calliano. "Non è con gli insulti o, peggio, passando alle vie di fatto, che si può affermare la propria visione del mondo. Episodi gravi come quelli accaduti oggi non possono quindi che vedere, ancora, la nostra ferma condanna".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento