rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Piazza Raffaello Sanzio, 13

Firma il contratto Enel e si ritrova anche una Postepay, caso segnalato all'Antitrust

Dopo aver firmato un contratto per la fornitura elettrica proposto da un venditore porta a porta la signora si è rivolta al CRTCU per annullarlo, pochi giorni dopo si è vista arrivare a casa una carta prepagata, di cui non sapeva assolutamente nulla

Firma un contratto di fornitura del gas e pochi giorni dopo si vede recapitare a casa una carta prepagata Postepay. Il caso della signora Rossi (nome di fantasia), trentina, è raccontato in un comunicato del Centro Tutela Consumatori di Trento, che ha anche girato la segnalazione all'Antitrust. Questa volta non si tratta di falsi venditori porta a porta, in questo caso il venditore proponeva davvero contratti di Enel Spa per la fornitura di gas ed elettricità, ed una polizza assicurativa collegata.

La signora firma, ma poi si pente e si rivolge allo sportello di via Sanzio, annullando contratto e polizza. Tutto bene, se non che alcuni giorni dopo si vede recapitare per posta una carta sconti, che altro non è che una carta di credito pre-pagata Postepay, in qualche modo collegata al contratto sottoscritto con Enel, peraltro già annullato, ma di cui la signora non sapeva assolutamente nulla.

"Alla nostra segnalazione Enel S.p.a. risponde dicendo che effettivamente non vi è alcuna firma e annulla il contratto. Aspettiamo di conoscere se l’Antitrust deciderà di indagare sulla prassi della vendita di carte ricaricabili senza alcun titolo valido - spiega Carlo Biasior, direttore del CRTCU di Trento -. Attenzione alle visite a casa! Se vi cerca un’azienda è solo per interesse, ma non il vostro!”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Firma il contratto Enel e si ritrova anche una Postepay, caso segnalato all'Antitrust

TrentoToday è in caricamento