menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubati 130 mila litri di gasolio, rischio inquinamento del Lavisotto

Utilizzata una tubazione di 400 metri che arrivava alla cisterna dal fondo di un cantiere contiguo alla Petrolvilla. Sul fondo del rio si sono riversate perdite che hanno determinato la necessità di mettere in sicurezza la zona

Furto di carburante nella notte a Trento nord ai danni della Petrolvilla, società che produce e distribuisce prodotti petroliferi. All’apertura delle attività i dipendenti si sono accorti della manomissione di due cisterne. Immediato l’intervento della polizia che, ricostruendo la dinamica delle operazioni, ha accertato lo svuotamento dei contenitori di circa 130 mila litri di gasolio.

Per realizzare il furto è stata utilzzata una tubazione di 400 metri che arrivava alla cisterna dal fondo di un cantiere contiguo alla Petrolvilla. Sul fondo si sono riversate perdite di gasolio che hanno determinato la necessità di mettere in sicurezza la parte invasa dal combustibile. Alla stessa stanno lavorando i vigili del fuoco in base a una valutazione elaborata anche dal competente Ufficio provinciale di tutela dell’ambiente.
 
Il rischio inquinamento del rio Lavisotto (che si trova proprio a Roncafort in prossimità della Petrolvilla) è concreto, tanto che da questa mattina i vigili del fuoco sono impegnati nel recupero degli idrocarburi sversati nel corso d'acqua. Sul posto, assieme alle forze dell'ordine, stanno operando anche gli esperti dell'Azienda sanitaria e dell'Appa.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Servizi bar e ristorazione all’aperto: tutte le indicazioni

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Sanità, gli ospedali di Borgo e Tione liberi dal Covid

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus: 4 decessi e +85 nuovi contagi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento