Furto al Bruno ma niente denuncia: gli attivisti lanciano la raccolta fondi

Furto al centro sociale Bruno: i ladri sono entrati sfondando una finestra al secondo piano ed hanno portato via l'impianto audio della sala concerti ed altra attrezzatura. Il fatto è accaduto nella notte tra domenica e lunedì ma gli attivisti hanno scelto di non sporgere denuncia e solo oggi hanno dato la notizia sui social network. "Ci siamo interrogati se fare uscire o meno questo comunicato perché se da una parte non vogliamo cadere nella strumentalizzazione di coloro che chiedono maggiore sicurezza e militarizzazione dei quartieri, dall'altra ci sembra importante far conoscere l'episodio e far capire cosa comporta" si legge sul sito.

Secondo gli attivisti il valore dell'attrezzatura rubata si aggira attorno ai 6000 euro e per recuperare il denaro il centro sociale lancia una campagna di autofinanziamento chiedendo a tutti i simpatizzanti un piccolo contributo per poter andare avanti con il programma di concerti. Ad un anno dall'apertura ammonterebbero ad oltre 10.000 euro le spese che gli attivisti hanno dovuto sostenere per rendere fruibile lo stabile, dato in comodato d'uso gratuito da Patrimonio del Trentino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento