rotate-mobile
Cronaca Malosco

Ladri di bestiame dal Trentino a Ferrara

Due coniugi di Ferrara, già noti per episodi analoghi, denunciati per insolvenza fraudolenta ed appropriazione indebita: hanno dato garanzie fasulle ad un allevatore della Val di Sole, arrivando a mostrargli la loro "finta" fattoria, per poi farsi consegnare 60 capi di bestiame: spariti, insieme ai soldi

Ladri di bestiame in azione in Trentino: sono riusciti a rubare 60 capi per un valore di circa 150.000 euro, ma con metodi tutt'altro che da far west. Si è trattato di un raggiro in piena regola, ai danni di un allevatore della val di Sole, una truffa messa a segno anche tramite finte garanzie patrimoniali ed addirittura una "falsa" azienda agricola dove i due, coniugi di Ferrara già noti alle forze dell'ordine per simili episodi, avevano portato l'allevatore trentino per convincerlo di essere effettivamente dei contadini.

I due erano in realtà impostori: non avevano una fattoria e men che meno i soldi per comprare il bestiame, che nel frattempo l'allevatore solandro aveva trasferito nel paese dei due, in provincia di Ferrara. Dei soldi non ha visto nemmeno un centesimo e si è rivolto quindi ai carabinieri che hanno denunciato i due per insolvenza fraudolenta ed appropriazione indebita, ed indagano ora per capire dove siano finiti gli animali: anche di quelli non c'è traccia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri di bestiame dal Trentino a Ferrara

TrentoToday è in caricamento