Furto in sala operatoria: sparito l'anestetico a base d'oppio, ladro rintracciato e denunciato

Al termine delle indagini è stato identificato un 32enne dipendente di una ditta che lavora per l'ospedale di Borgo Valsugana

Dalla sala operatoria al mercato illegale: questa sarebbe stata la destinazione di 8 scatole di Midazolam, potente anestetico derivato dall'oppio, sottratte all'ospedale di Borgo Valsugana. Il furto è avvenuto all'interno della sala operatoria, dove il ladro si era introdotto scardinando la porta di servizio. 

La direzione dell'ospedale ha immediatamente contattato i carabinieri, che hanno dato corso alle indagini. Grazie alle informazioni raccolte le attenzioni si sono concentrate su un 32enne ligure, dipendente di una ditta fornitrice dell'ospedale. Una volta raccolti sufficienti indizi i militari si sono presentati a casa sua.

La perquisizione domiciliare ha portato alla luce le 8 scatole contenenti 64 fiale del potente farmaco. Secondo i carabinieri sarebbe stato rivenduto sul mercato illegale degli stupefacenti. Il giovane è stato denunciato a piede libero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Trento, spacciatore sfida la polizia: «Sapete che sono uno spacciatore, ma oggi con me non lavorate». Arrestato in piazza

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Gambero Rosso: in un "annus horribilis" il ristorante di Arco di Peter Brunel è la novità dell'anno

Torna su
TrentoToday è in caricamento