Furto a bordo di un'ambulanza, i volontari: "Gesto vigliacco, colpisce tutta la comunità"

Ambulanza soqquadro, con danni e qualche attrezzatura sparita. Ecco cos'è successo in viale Verona a Trento, a poche decine di metri dalla Questura

"Colpire un mezzo utilizzato per il soccorso, significa recare un danno all'intera comunità, è stato un gesto vigliacco". Queste le poche, amare, parole con le quali il Comitato Croce Rossa Italiana di Trento commenta il furto subìto su un'ambulanza, parcheggiata in un'officina della città, in attesa del cambio gomme. 

Il mezzo è in forze alla Croce Rossa di Vezzano, ma si trovava dal gommista a Trento, in viale Verona. "Radio divelte, quadro scassato, finestrino laterale scardinato, vano sanitario sotto sopra, monitor con defibrillatore strappato dalla sua sede, e materiale sparso in ogni dove": questo lo stato in cui i volontari hanno ritrovato l'ambulanza al mattino. 

"Un gesto che certo ci rattrista - si legge nella nota - ma che non ci scoraggia e non mette in ombra, al contrario ne evidenzia la gentilezza, i tantissimi altri gesti di gratitudine e vicinanza che quotidianamente e in particolare in questi ultimi mesi di emergenza COVID19 ci sono giunti da tutto il territorio direttamente ai gruppi attraverso realtà imprenditoriali e famiglie di privati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento