Cronaca Madonna di Campiglio

Campiglio, preso ladro seriale di abbigliamento da sci: schermava le placche anti-taccheggio

Con un apposito congegno riusciva a non far suonare l'allarme, e stava per fuggire con indumenti per un valore di 1000 euro, ma non era decisamente il suo primo furto

Le indagini condotte dai carabinieri di Madonna di Campiglio delineano la figura di un vero e proprio professionista del furto: il 36enne, cittadino bosniaco, fermato ieri sera nella celebre località sciistica mentre tentava di rubare vestiti da sci per un valore di 1000 euro, non è nuovo a questo tipo di "lavori".

Nel 2014 era stato arrestato in Val Gardena per lo stesso motivo, e, grazie alle immagini di videosorveglianza, si è riusciti ad  identificarlo come autore di un furto in un negozio di Madonna di Campiglio non più di un mese fa. Anche in quel caso il ladro aveva puntato a capi di abbigliamento sportivi particolarmente  costosi, per un valore di 1280 euro.

I carabinieri hanno controllato il passaporto sul quale sono segnati ben 28 accessi in Italia nel solo mese di luglio 2016, passaggi di frontiera che potrebbero essere dovuti ad attività criminosa. La "professionalità" del soggetto si riscontra anche nella tecnica  usata per mettere a segno i vari furti: un congegno eletronico, tenuto in tasca e attivato al momento opportuno, che permette di "schermare" gli indumenti ancora munitidi placca anti-taccheggio evitando di far suonare l'allarme. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campiglio, preso ladro seriale di abbigliamento da sci: schermava le placche anti-taccheggio

TrentoToday è in caricamento