Trovato morto in casa dopo un anno

Dramma della solitudine per un ex maestro di sci sessantenne, diviso tra Abruzzo e Trentino

Trovato morto in casa dopo un anno. Sembra incredibile, ma è successo in una piccola comunità abruzzese: Furio Lescarini, 61enne romano, ma molto noto in Trentino dove era conosciuto nel mondo dello sci e del turismo invernale, era stato visto l'ultima volta a Pasqua 2019, esattamente un anno fa. 

Si era recato a Roccacerro, in Abruzzo, dove aveva una casa. Avrebbe dovuto fare ritorno in Trentino, ma nessuno lo ha più visto. Un anno dopo il tragico ritrovamento. A darne notizia è il sindaco di Tagliacozzo, comune in provincia de L'Aquila, facendosi portavoce di una comunità scossa dalla drammatica notizia: "Furio Lescarini è stato un uomo al quale la vita forse non ha riservato una piena realizzazione, forse non ha avuto il massimo della fortuna e del successo. A volte qualcosa non funziona anche nelle Comunità più piccole come le nostre e allora è possibile che accada di dimenticare di non accorgersi, di distrarsi".

"Con la morte del papà e della mamma - prosegue il primo cittadino - gli erano rimasti solo gli amici che dall'alta Italia, dove si recava a fare scuola di sci, o da Roma hanno lanciato l'allarme a gennaio scorso perché non avevano avuto più alcun contatto. E l'ultima volta che a Roccacerro lo si era visto in giro e persone gli avevano parlato è stato esattamente un anno fa: a Pasqua 2019. Poi nulla più. A distanza di dodici mesi, oggi, la triste scoperta della sua morte, a casa, da solo".

Non è ancora chiaro se si sia trattato di un suicidio o di un malore. E non è ancora chiaro a quando risale il decesso del 61enne. Dalle parole del sindaco l'uomo era rimasto isolato negli ultimi tempi. Il pm Lara Seccacini della procura di Avezzano, ha disposto l'autopsia per verificare le cause del decesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coniugi bolzanini scomparsi: trovati degli indumenti nell'Adige a sud di Trento

  • Proverbi trentini di gennaio: tra viole, lucertole, neve e santi

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento