Telefono alla guida, lo ferma la Finanza: nel furgone kebab surgelato fuori norma

Telefonata costata cara al dipendente di una ditta veronese: nel furgone carne surgelata destinata anche al mercato trentino

Telefono alla guida: un'abitudine pericolosa, un'infrazione grave del Codice della Strada. Ad un 22enne, dipendente di una ditta di alimentari veronese, in transito a Trento è costata molto di più: fermato dalla Guardia di Finanza nella centralissima via Giusti perchè notato con il telefono all'orecchio mentre si trovava alla guida del furgone, il commerciante è finito in guai perggiori a causa della merce trasportata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta aperto il portellone del furgone i finanzieri hanno intuito che qualcosa non andava: carni surgelate, pollo, vitello, pane e patatine, il tutto senza rispettare le norme igienico-sanitarie che impongono una temperatura inferiore ai - 18° gradi per questo tipo di prodotti. Sforato di molto anche il limite di 3° di tolleranza (quindi -15°). Non è finita qui: il furgoncino non era revisionato e parte della merce era stata trasportata in nero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento