rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Dai social

Fugatti condivide il momento della vaccinazione dei figli: critiche e insulti

È accaduto dopo la pubblicazione di un post come quello che molti altri genitori hanno condiviso da quando è stato possibile vaccinare i più piccoli, ma che ha scatenato diverse reazioni anche molto negative

Dubbi sulla veridicità, oltre a più di qualche commento di critica e di insulto è quanto è apparso sotto al post pubblicato sulla pagina Facebook del presidente della Pat Maurizio Fugatti, dove ha voluto condividere il momento in cui i suoi figli hanno ricevuto la prima dose del vaccino anti-covid, sabato 8 gennaio. Un post come quello che molti altri genitori hanno pubblicato da quando è stato possibile vaccinare i più piccoli, ma che ha scatenato diverse reazioni anche molto negative.

"Oggi i miei ragazzi di 11 anni Sofia e Matteo hanno fatto la prima dose di vaccino Pfizer. Convinti e determinati, come i tanti bambini e genitori trentini che ho visto in fila al centro vaccinale" ha scritto il presidente, pubblicando le due foto. Certo, ci sono state anche persone che hanno commentato in maniera positiva, ma ci sono stati anche diversi utenti che hanno cercato di mettere in dubbio che i figli del presidente avessero ricevuto davvero il vaccino, affermando che non vedendosi l'ago e che fossero foto poco nitide, si trattasse solo di "spot pubblicitario con i minori". Con ogni probabilità, invece, le foto sono state scattate in modo da non mostrare nitidamente la faccia dei bambini per tutelarli, visto che avrebbe messo le immagini su un social network. Scelta analoga viene fatta da tutti quegli adulti che vogliono condividere questo momento su Facebook.

Eppure, i commenti più pesanti sono stati quelli in cui è stata fortemente criticata la decisione da genitore di portare i propri figli a ricevere il vaccino. Oltre a essere una scelta condivisa da molti genitori in tutta Italia, visto anche l'andamento delle vaccinazioni e che appare anche in linea con quanto affermato del presidente fin dall'inizio della campagna vaccinale, dalla fine del 2020. Non sono mancate le critiche su quel "convinti e determinati" di chi ha messo in dubbio, pur non conoscendoli, anche le opinioni dei due ragazzini. Giovani sì, ma che come tutti hanno stanno vivendo una situazione surreale, fatta di distanza e chiusure, da ormai quasi due anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fugatti condivide il momento della vaccinazione dei figli: critiche e insulti

TrentoToday è in caricamento