Val Genova: turisti accompagnati a riprendere le auto. Strada ancora chiusa, previsti temporali

Vigili del fuoco e Soccorso Alpino hanno portato in salvo decine di persone, la strada è stata liberata ma rimane chiusa in vista di un nuovo peggioramento delle condizioni meteo

Vigili del fuoco al lavoro per liberare la strada

Tanta paura ma fortunatamente nessuna conseguenza fisica per i turisti rimasti "intrappolati" dalla frana in Val Genova. Cinquanta metri cubi di sassi e fango si sono riversati sull'unica strada che porta al paese di Carisolo. Circa 90 persone si sono ritrovate improvvisamente bloccate nella valle ai piedi dell'Adamello.

Nuova allerta: temporali fino a Ferragosto

A gestire la situazione in prima battuta è stato il gestore del Rifugio Bedole, che è anche membro del soccorso alpino. Dopo il temporale, scatenatosi verso le 17, è sceso in auto a controllare la strada, trovandola sbarrata da una montagna di massi. Ha immediatamente dato l'allarme per poi tornare al rifugio e fornire ospitalità e supporto ai turisti: escursionisti, famiglie, molti bambini. Qualcuno era completamente bagnato, dopo essere stato sorpreso dal temporale.

I vigili del fuoco sono riusciti ad aprirsi un varco e a raggiungere le comitive. "Qualcuno era un po' spaventato ma fortunatamente non c'erano situazioni di pericolo, nessun caso di ipotermia; certo erano tutti un po' disorientati", racconta Fabrizio Masè, comandante dei Vigili del Fuoco volontari di Strembo.

I mezzi dei corpi di Carisolo, Pinzolo, Caderzone, Strembo e del soccorso alpino hanno fatto la spola per portare le persone al sicuro. Quasi tutti alloggiavano in valle e sono stati accompagnati negli alberghi e nei residence. Un gruppo di cinque persone della Val di Ledro è stato riportato a casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi, martedì 11 agosto, dopo il via libera del geologo provinciale, la strada è stata riaperta. Si è trattato infatti di una scarica di sassi, trasportati dall'impeto del rio Gabbiolo, improvvisamente gonfiatosi d'acqua. La strada non ha subito alcun danno. I vigili del fuoco stanno riaccompagnando i turisti a recuperare le auto. La strada è stata liberata ma rimane chiusa per precauzione, anche perché le previsioni meteo annunciano nuovi temporali. Attualmente si può transitare fino al Rifugio Stella Alpina.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

  • Cervo investito sulla statale: "In quel tratto succede una volta al mese"

  • Coronavirus, un altro studente positivo: classe in quarantena e lezioni online

  • Camion blocca l'ambulanza su una strada di montagna: "E' l'ennesima volta, ora basta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento