Frana sul Lavazè: cani da ricerca e telecamera per escludere vittime

Massi enormi sulla strada tra Trentino ed Alto Adige, che resterà chiusa almeno per una settimana

foto: Scuola provinciale cani da ricerca e da catastrofe

Frana sulla strada del passo Lavazè. La statale 620 che collega la Val di Fiemme con la Val d'Ega, è chiusa dal pomeriggio di venerdì 5 giugno, quando un'importante smottamento ha riversato enormi massi sulla strada. Circa 300 metri cubi di materiale roccioso hanno travolto le reti di contenimento finendo sulla carreggiata, parzialmente danneggiata oltre che completamente ostruita. 

Dopo l'intervento dei Vigili del Fuoco volontari locali, un primo sopralluogo è stato effettuato dai tecnici del Servizio Gestione Strade e dal geologo provinciale. La causa è da ricercare nelle forti piogge che si sono verificate nella notte tra giovedì e venerdì.

Sul posto è intervenuta anche la Scuola provinciale cani da ricerca e da catastrofe. Le unità cinofile, trasportate sul posto dall'elicottero, hanno battuto l'area alla ricerca di persone intrappolate tra i massi. I Vigili del Fuoco hanno anche utilizzato una videocamera endoscopica per un ulteriore accertamento. L'attenta verifica ha permesso di escludere il coinvolgimento di persone. 

001_Lavazè-2

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Trento, spacciatore sfida la polizia: «Sapete che sono uno spacciatore, ma oggi con me non lavorate». Arrestato in piazza

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Gambero Rosso: in un "annus horribilis" il ristorante di Arco di Peter Brunel è la novità dell'anno

Torna su
TrentoToday è in caricamento