menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Fortglas, la Uil: "Dall'assessore Olivi silenzio assordante"

"Comprendiamo le ragioni dei lavoratori che trovano giustamente discriminatoria la scelta di erogare la liberalità a favore di tutti i lavoratori tranne quelli iscritti al sindacato di base"

La Uiltec Uil del Trentino risollecita un intervento della Provincia e dell’assessore all’industria Alessandro Olivi - "il cui silenzio sulla vicenda è ormai assordante" - al fine di farsi garante di una situazione insostenibile che ha portato la tensione interna ed esterna allo stabilimento di via dei ragazzi del ‘99 a livelli di pericolo. Lo afferma Alan Tancredi della Uil del Trentino, che interviene sulla vicenda Fortglas. "Comprendiamo le ragioni dei lavoratori che da ottobre 2012 non hanno né il trattamento di cassa integrazione né un lavoro e pertanto trovano giustamente discriminatoria la scelta della Glas Vetro Alpin di erogare la liberalità a favore di tutti i lavoratori ( iscritti ai sindacati confederali firmatari di contratti nazionali e non iscritti ) tranne quelli iscritti al sindacato di base. In questa direzione e al fine di rasserenare il clima abbiamo sollecitato l’ azienda ad attivare le pratiche burocratiche, anche alla luce dei nuovi provvedimenti, per l’ anticipo del trattamento di cassa da parte di Confidimpresa, cosa che è avvenuta questa settimana. Chiediamo a Glas Vetro Alpin di farsi carico di erogare la liberalità anche ai lavoratori esclusi, al fine di dare loro un po’ di ossigeno con l’ obiettivo di permettere ai lavoratori ad oggi impiegati di lavorare serenamente. Sul fronte occupazionale registriamo che ad oggi i lavoratori occupati sono 19 con margini occupabilità più ampia. Stiamo cercando di stimolare l’ azienda a percorsi formativi sui processi produttivi e sul delicato tema della sicurezza". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento