rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Folgaria

Incendio sotto la seggiovia Serrada Martinella: elicottero e pompieri in azione

Sono intervenuti immediatamente i carabinieri del soccorso piste e il personale della seggiovia, oltre ai vigili del fuoco della zona e l'elicottero dei Permanenti di Trento

Spento in meno di due ore l'incendio scoppiato nel terreno sotto alla seggiovia Martinella di Serrada, nel comune di Folgaria, a confine con Terragnolo, giovedì 3 febbraio. Alle 13.30 circa è arrivata al Numero unico per le emergenze (Nue) la chiamata con la richiesta di intervento per un principio di incendio. Come spiegato dal sindaco di Folgaria, Michael Rech, con ogni probabilità, anche se impossibile da dimostrare, l'incendio è stato innescato da una sigaretta abbandonata da un passeggero della ferrovia su un terreno esposto a sud, quindi molto secco, soprattutto in un momento come quello attuale in cui c'è molto vento. Nell'ora successiva, 200 mq circa hanno preso fuoco.

Sono intervenuti immediatamente i carabinieri del soccorso piste  e il personale della seggiovia che si sono preoccupati di far scendere tutte le persone dall'impianto, rimasto comunque in funzione per evitare che eventuali sviluppi del rogo potessero danneggiarlo e di allertare i soccorsi, fornendo tutte le informazioni. La seggiovia e il terreno incendiato distano di 15 metri circa in altezza, ma l'impianto è stato lasciato acceso per evitare il surriscaldamento delle funi e altri possibili danni.

Immediatamente i vigili del fuoco della zona sono partiti a bordo di gatti delle neve e motoslitte, poiché la zona è attualmente inaccessibile, perché è innevata. Da Trento è arrivato l'elicottero con l'attrezzatura per incendi boschivi che ha potuto ricaricare l'acqua nel bacino di innevamento, che si trova a poche centinaia di metri dalla zona interessata dal rogo. Allo stesso bacino si sono collegati anche i vigili del fuoco che hanno operato da terra con le lance.

"Intorno alle 15.30 l'incendio è stato estinto e la zona bonificata - ha affermato il sindaco Rech -. La società degli impianti aveva anche acceso i due cannoni di innevamento lì vicino, in particolare uno che sparava acqua, al fine di ridurre la zona secca, già facile preda delle fiamme che stavano avanzando. L'invito è quello di un comportamento responsabile, soprattutto quando le condizioni sono come quelle attuali, dove la seggiovia spesso attraversa zone prive di neve al suolo. Il divieto di fumo esiste sempre, ma deve essere ancora più osservato in queste situazioni. Gettare una sigaretta in una zona esposta a sud, secca e in un periodo dove le precipitazioni sono state scarse, è veramente un pericolo. La situazione è stata rapidamente risolta grazie all'intervento dei vigili del fuoco, ma sarebbe potuta diventare un pericolo maggiore per l'impianto di risalita e per il rifugio Baita Tonda che dista poche centinaia di metri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio sotto la seggiovia Serrada Martinella: elicottero e pompieri in azione

TrentoToday è in caricamento