Cronaca

Focolaio al Santa Chiara, il dottor Benetollo rassicura: "Organizzazione ben collaudata"

Dopo i casi positivi rilevati martedì mattina, prosegue l'attività di tracciamento

All'ospedale Santa Chiara di Trento si aspettano i risultati dei tamponi sul personale del reparto di Medicina, dopo che nella mattinata di martedì 7 settembre è stato scoperto un focolaio di Covid. Sono 2 i pazienti positivi sui primi 41 test effettuati. Tra i sanitari invece, è stata fatta "qualche decina di tamponi, con tre infermieri positivi che sono vaccinati e hanno sintomi lievi". Così il direttore del Servizio ospedaliero provinciale Pier Paolo Benetollo all'agenzia Ansa.

Il dirigente dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari rassicura: "Si tratta di una delle decine di focolai che abbiamo avuto da inizio pandemia, l'ultimo è stato all'ospedale di Tione e l'organizzazione è molto ben collaudata". Altri tamponi oltre a quelli già eseguiti saranno somministrati ad altri operatori sanitari nel pomeriggio di martedì, al cambio turno. Sono poi previsti, nei prossimi giorni, trascorso il periodo di incubazione del virus, ulteriori test.

Verrà inoltre svolta attività di contact tracing sui contatti stretti dei casi positivi, che saranno precauzionalmente messi in quarantena. "Sappiamo che la vaccinazione dà un ottimo livello di protezione ma questo ovviamente non significa protezione assoluta e quindi dobbiamo essere pronti ad avere una certa percentuale di persone che possono ammalarsi. I nostri dati ci dicono che quando è una persona vaccinata ad ammalarsi ha sintomi lievi, ma comunque occasionalmente può avvenire il contagio. Questo è il motivo per il quale bisogna continuare ad usare le precauzioni, come la mascherina" conclude Benetollo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Focolaio al Santa Chiara, il dottor Benetollo rassicura: "Organizzazione ben collaudata"

TrentoToday è in caricamento