menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tantissimi alla fiaccolata per Deborah

Il dolore di una comunità ancora sotto shock

Tantissime persone in piazza a Vigo Meano con una candela accesa per ricordare Deborah Saltori, 42 anni, madre i 4 figli, uccisa dall'ex compagno nelle campagne della collina ad est di Trento. Un momento di ricordo partecipatissimo dalla comunità, ancora sotto shock per la tragica notizia. Una vicenda che, con l'emergere di dettagli inquietanti, in molti hanno definito un "femminicidio annunciato". 

L'opinione pubblica ma anche la politica locale chiedono un'applicazione più efficace delle norme esistenti. L'ex compagno, Lorenzo Cattoni, si trovava infatti agli arresti domiciliari per ripetuti e gravi episodi di violenza domestica. Nonostante questo aveva ottenuto un permesso lavorativo, addirittura rinnovato con estensione di orario, per coltivare un terreno a Cortesano, poco sopra il paese in cui la donna era rimasta a vivere con i figli, in attesa della separazione. E' proprio in quella campagna che Deborah è stata aggredita ed uccisa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento