menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fondo europeo di sviluppo regionale, Cia: "Sette milioni di euro restituiti?"

Sette milioni di euro rimasti inutilizzati in sette anni: a tanto ammonta, calcolatrice alla mano, la differenza tra le risorse assegnate dall'Europa alla Provincia autonoma di Trento attraverso il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) e quanto effettivamente utilizzato per finanziare i singoli progetti. A fare i conti in tasca all'amministrazione provinciale è il consigliere di opposizione Claudio Cia che, ripescando un vecchio comunicato stampa della Provincia diffuso nel marzo scorso, si è accorto che qualcosa non tornava.

Si parla di fondi impiegati, come si legge nella nota della PAT, in campo energetico per la ristrutturazione e l’efficientamento di edifici pubblici ed imprese, per sostenere la filiera dell’Ict, la nascita di nuove imprese e lo sviluppo sostenibile locale con progetti dedicati a Comuni e Parchi naturali. "A fronte di 62.477.778 euro assegnati dall'Unione Europea attraverso il Fondo Europeo di sviluppo regionale, la Provincia di Trento ne ha utilizzati 55.418.864,37 - scrive il consigliere, spiegando che - i 76 milioni riportati sul comunicato della provincia sono quelli che la stessa aveva impiegato per progetti vari. Di questi 62 erano coperti dai fondi europei mentre i rimanenti erano assicurati delle casse provinciali. In poche parole, la provincia non solo non è riuscita a impiegare sue risorse, ma neppure il 100% di quelle europee".

Le cifre si riferiscono al periodo 2007-2013, il cui bilancio è stato presentato nel marzo scorso. Verrebbe quindi da escludere che vi siano progetti che devono ancora essere rendicontati, a quattro anni dalla chiusura della programmazione. Nel comunicato provinciale si dice che "il rapporto finale di esecuzione mostra un tasso di attuazione finanziaria del programma operativo pari a a circa l’89% per un totale di spesa certificata di euro 55.418.864,37, che sconta le difficoltà del sistema economico trentino, in particolare nei settori dell’edilizia e del relativo indotto, aree prioritarie di intervento del programma". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Attualità

Il Trentino è in zona arancione, le precisazioni di Fugatti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento