rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Oltrefersina / Via Gocciadoro

Fermate senza barriere, il Comune: "Con gli ultimi interventi siamo al 42%"

Nuove fermate senza barriere vanno ad aggiungersi a quelle già presenti ma in complesso restano completamente accessibili sono 4 fermate su 10. Tutti gli autobus invece sono dotati di pedana

Proseguono i lavori di adeguamento di alcune fermate degli autobus in città. Recentemente sono state “sbarrierate”, ovvero rese accessibili alla salita e alla discesa delle persone in sedia a rotelle, le fermate “Gocciadoro-Poliambulatori” in via Gocciadoro, “Barbacovi-Itg Pozzo” in via Barbacovi, “Brigata Acqui-Itc Tambosi”, “Romagnosi-Vannetti” in via Romagnosi, “Menguzzato-al Casteller” in via Menguzzato, “Cavalcavia San Lorenzo” sul cavalcaferrovia del ponte di San Lorenzo e “Monaco-Loghet” di via Monaco in direzione sud. Sono stati da poco ultimati i lavori di sistemazione della fermata dell'autobus di via Brennero-Tridente in direzione nord.

Nel corso dell'autunno, assicura il Comune, altri interventi interesseranno ulteriori fermate, tra cui quella davanti al Castello del Buonconsiglio. Il costo totale di questi interventi si aggira intorno ai 50 mila euro. Tutti i mezzi servizio urbano di Trento sono dotati delle particolari pedane necessarie a far salire e scendere i disabili dalla porta centrale. Fanno eccezione le linee affidate in subconcessione a un autonoleggiatore privato o quelle del servizio extraurbano: si tratta di linea C, diramazione linea 5 Povo - Passo del Cimirlo e diramazioni linea 11 sulle tratte Gardolo - Gardolo di Mezzo e Spini di Gardolo. Le fermate idonee all'utilizzo da parte di utenti con disabilità su carrozzina rappresentano, ora, il 42 per cento del totale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermate senza barriere, il Comune: "Con gli ultimi interventi siamo al 42%"

TrentoToday è in caricamento