Precipita in ferrata: morta Federica Marcolla, mamma e medico

Tragico incidente sulla "Che Guevara", probabilmente a causa di un moschettone agganciato male. A dare l'allarme il compagno della ragazza

E' Federica Marcolla, medico e mamma di due bambini, la vittima del terribile incidente in montagna avvenuto sulla ferrata Che Guevara, nel Basso Sarca, nella mattinata di sabato 7 novembre. Secondo gli accertamenti svolti dai carabinieri della Compagnia di Riva del Garda, sulla base delle testimonianze dei soccorritori e del compagno che era con lei, sembra che sia stato fatale il mancato aggancio di un moschettone durante un passaggio lungo la via attrezzata.

L'alpinista stava staccando e riagganciando uno dei due moschettoni, convinta di poter fare affidamento sull'altro. Quest'ultimo, però, era probabilmente agganciato male ed all'improvviso la ragazza è caduta di spalle nel vuoto. Un volo di 200 metri che purtroppo non le ha lasciato scampo. A dare l'allarme è stato il compagno, che l'ha vista precipitare senza poter fare nulla. Il Soccorso Alpino è intervenuto in elicottero ed ha verricellato sul posto l'equipe medica. Purtroppo non c'è stato nulla da fare.

Residente a Trento, originaria di Zambana, laureatasi in Medicina a Parma, appassionata di montagna, Federica Marcolla era molto conosciuta per la sua professione, medico di famiglia, in tutta la comunità. Pochi giorni fa aveva rilasciato un'intervista al Tgr regionale per informare la popolazione sulla situazione dei medici di base nell'emergenza covid.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento