Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Centro storico / Via Giovanni Segantini

Tagli all'accoglienza, 140 lavoratori a rischio. CGIL "sveglia" la Federazione delle Cooperative

"Mesi di assordante silenzio, qualsiasi risposta appare tardiva". Dopo i tagli della Giunta a rischio 140 posti di lavoro

La Giunta provinciale taglia i fondi all'accoglienza dei richiedenti asilo: 140 lavoratori del settore resteranno a casa, e la Federazione delle Cooperative resta in silenzio. Questa la denuncia della Cgil trentina che ha chiamato in assemblea tutti i lavoratori e le lavoratrici delle cooperative che si occupano dell'accoglienza in Trentino.

La Giunta dimezza il Cinformi, via corsi di italiano e altri servizi

Com'è noto l'idea della Giunta è quello di affidare l'appalto, evidentemente ridotto in termini economici, alla Croce Rossa Italiana, ma il settore ha anche subìto pesanti critiche dal presidente del Consiglio provinciale Kaswalder il quale ha dichiarato la sua sorpresa nell'apprendere che si tratta di professionisti pagati, e non di volontari.

Accoglienza, Kaswalder: "Pensavo fossero volontari"

Un momento di incontro dal quale parte un messaggio rivolto alla Federazione: "ci saremmo aspettati una presa di posizione più incisiva da parte della presidente Mattarei. Limitarsi a dire che il tema dei tagli all'accoglienza è sempre stato alla (silenziosissima) attenzione della Federazione e che è utile discutere con l'amministratore per trovare, generiche e di là da venire, soluzioni che garantiscano la valorizzazione dell'esperienza maturata nella gestione dell' accoglienza appare per questo non solo insufficiente, oltreché tardivo, ma rileva poca convinzione e considerazione del proprio ruolo in questa vicenda" si legge in una nota.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli all'accoglienza, 140 lavoratori a rischio. CGIL "sveglia" la Federazione delle Cooperative

TrentoToday è in caricamento