Farsi curare fuori dal Trentino costa: 13,6 milioni nel 2015

La mobilità attiva è aumentata, con un saldo di 49 milioni nel 2015. Il saldo negativo dei pazienti andati a curarsi fuori dal Trentino è determinato da trapianti o cure ad altissima specializzazione

Quanto costa al Trentino la mobilità passiva in ambito sanitario, cioè quelle persone che si recano fuori provincia per le cure mediche? Il saldo negativo della mobilità passiva nel 2006 ammontava a 16 milioni che sono passati a 17.8 nel 2014. Nel 2015, invece, c'è stata una diminuzione dei costi a 13.6 milioni di euro. I dati sono contenuti in una risposta dell'assessore Luca Zeni ad una interrogazione di Nerio Giovanazzi.

La mobilità attiva è aumentata, arrivando ad un saldo di 49 milioni nel 2015. Il saldo negativo dei pazienti andati a curarsi fuori dal Trentino, nel 2015 è stato determinato dai trapianti (4 milioni di euro) o dalle cure a altissima specializzazione (8 milioni). Mentre il costo della convenzione con Feltre (provincia di Belluno, dove però fanno riferimento le valli del Primiero, ad esempio) è di 2,5 milioni. Nel 2014, inoltre, il Veneto ha tolto il tetto agli extraregionali per le cliniche private, e anche la Provincia autonoma di Trento ha adottato tale misura, fatto che ha portato a un miglioramento della mobilità attiva. Il miglioramento del 2015, inoltre, è determinato dal fatto che anche Bolzano ha dovuto applicare le tariffe nazionali. 

Per cardiologia, ha precisato Zeni, da tempo sono noti i problemi per i posti letto e c’è un mandato per migliorare un reparto cresciuto molto negli anni grazie alla competenza dei medici. Il consigliere Giovanazzi ha ribadito che la mobilità passiva è ancora elevata, anche se le strutture private si stanno dando da fare, seppur penalizzate dagli atteggiamenti di alcuni dirigenti e dalle scelte sbagliate. Sul reparto di cardiologia, ha detto infine, che ci sono "molti degenti in attesa di interventi al cuore".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

Torna su
TrentoToday è in caricamento