menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollette luce e gas: anziani, occhio ai falsi addetti

Negli ultimi quattro mesi, si sono presentati al Servizio tributi numerose persone: sostenevano di essere stati indirizzati al Comune di Trento da due persone che si erano presentate alla porta esibendo un tesserino

Negli ultimi tre o quattro mesi, si sono presentati al Servizio tributi numerosi anziani che, muniti della bolletta dell’energia elettrica, chiedevano di poter avere uno sconto. La motivazione che li aveva portati allo sportello era più o meno sempre la stessa: sostenevano di essere stati indirizzati al Comune di Trento da due persone, che si erano presentate alla porta di casa a volte come messi comunali, altre volte come impiegati dell’Enel (o di altra società), esibendo anche il tesserino con fotografia.

Questi presunti messi o impiegati assicuravano che per i cittadini con più di 65 o 70 anni, a seconda delle versioni, è attivo un nuovo sconto sulla bolletta dell’energia elettrica, applicato dal Comune stesso. A quanto è stato riferito, agli anziani non viene chiesto di firmare né di pagare nulla e nemmeno di poter vedere le bollette. In tutti i casi segnalati, la visita si conclude con l’invito a presentarsi presso gli sportelli comunali per chiedere informazioni e presentare la richiesta.
 
Soltanto che il Comune non ha mai chiesto né autorizzato nessuno a visitare con queste scuse le case dei propri cittadini. Perciò, se dovessero presentarsi persone che dichiarano di essere mandate dall'amministrazione – ad eccezione degli operatori del censimento, che hanno un tesserino di riconoscimento – è consigliabile diffidare perché dietro a queste richieste può nascondersi una truffa. Si raccomanda comunque di non mostrare mai e per nessun motivo la bolletta di luce o gas, di non firmare niente e di non consegnare assolutamente denaro. L'amministrazione consiglia a tutti coloro che dovessero essere contattati con queste modalità di contattare immediatamente la Polizia Locale.  
 
A questo proposito, il Servizio Tributi "ritiene doveroso precisare che: non ci sono sconti sulle bollette della luce legati all’età dei contribuenti; gli unici bonus relativi all’elettricità (previsti dallo Stato e non dal Comune) sono legati alla situazione reddituale delle famiglie e non all’età; oltre a questo ci sono bonus, sempre per l'elettricità, legati a gravi malattie che prevedano l’uso di apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita; 
in questo caso (bonus legato alla condizione economica), la domanda andrebbe peraltro presentata ai Caf (centri di assistenza fiscale) e non direttamente al Comune".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
  • Meteo

    Nevica sul Monte Bondone

  • Cronaca

    Addio alla Rosetta: Levico perde una nonna speciale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento