rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Oltrefersina / Via al Casteller

Al Centro Avifauna del Casteller curato e liberato un falco pescatore

Curato per 10 giorni e poi liberato un raro esemplare di falco pescatorre: rilasciato in perfetta salute ha ripreso il viaggio per il Nord Europa

Insolito ospite per il Centro Recupero Avifauna Selvatica del Casteller, a Trento, gestito dalla Lipu, dove è stato curato e liberato un falco pescatore. Si tratta di un rapace della famiglia abbastanza raro in Italia, sebbene non a rischio, che deve il suo nome add una curiosa tecnica di caccia, anzi di vera e propria pesca visto che per procurarsi il cibo si tuffa nelle acque di laghi e stagni per riemergere dall'acqua con il pesce tra gli artigli.

L'esemplare in questione è stato curato per 10 giorni presso il Centro del Casteller. "Era arrivato con problemi motori, dovuti presumibilmente ad intossicazione da cibo - spiegano i volontari della Lipu - è volato via perfettamente: dopo essere entrato in una corrente termica che l'ha portato molto in alto, ha potuto riprendere il viaggio verso il nord Europa a grande velocità". Il falco pescatore infatti non nidifica, se non in casi molto rari, in Italia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Centro Avifauna del Casteller curato e liberato un falco pescatore

TrentoToday è in caricamento