menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti per strada, campagna realizzata dagli studenti

Partirà a breve una nuova campagna di sensibilizzazione ideata e realizzata dagli studenti della IV A e IV B dell'Istituto Pavoniano Artigianelli di Arti grafiche. "Lo stai facendo nel modo sbagliato"

Contro l'abbandono di mozziconi, gomme da masticare, deiezioni di animali e qualsiasi altro tipo di rifiuto su strade e marciapiedi scendono in campo i ragazzi. Partirà a breve, infatti, una nuova campagna di sensibilizzazione ideata e realizzata dagli studenti della IV A e IV B dell'Istituto Pavoniano Artigianelli di Arti grafiche. “Lo stai facendo nel modo sbagliato” - questo il nome scelto per la campagna -  è il risultato finale di un lavoro svolto con i ragazzi dal Servizio ambiente che ha promosso l'iniziativa.

A partire da novembre 2011questi giovani grafici di 17 anni si sono confrontati sulle tematiche relative ai rifiuti; ne è nato un lavoro coinvolgente che ha posto al centro la loro creatività e le loro competenze. Gli studenti hanno realizzato diverse proposte tra le quali è stata selezionata la nuova campagna.
Gli studenti, coordinati dai loro insegnanti, sono riusciti a unire un linguaggio innovativo e fresco (ecco perché sarebbe una buona regola puntare sui giovani) a immagini di grande impatto, in grado di raggiungere i coetanei e tutti gli altri cittadini. L'obiettivo era quello invitare tutti ancora una volta al rispetto del bene pubblico e all'amore per la propria città.
 
Per i messaggi sono stati scelti i temi maggiormente sentiti dalla cittadinanza, e, purtroppo, di grande attualità: l'abbandono di mozziconi, gomme da masticare e rifiuti su strade e marciapiedi, la mancata raccolta delle deiezioni canine, l'imbrattamento con scritte e graffiti delle facciate degli edifici. 
La campagna è stata pensata e realizzata da Chiara Ferrari, Erica Malfatti, Marco Decarli, Nicola Pierini e Sara Berlanda della classe IV B dell'istituto pavoniano Artigianelli per le arti grafiche. La coordinatrice del progetto è la professoressa Annalisa Filippi.
 
Il rispetto per l'ambiente e per il bene pubblico comincia, quindi, anche tra i banchi di scuola. Come ormai da dieci anni a questa parte il Servizio Ambiente con il supporto di giovani volontari ha portato nelle scuole elementari, medie e superiori della città, alcune delle tematiche ambientali più significative. Quest'anno sono stati affrontati i temi dei rifiuti e della raccolta differenziata, del risparmio energetico e delle diverse forme di energia, dello sviluppo sostenibile e dei principali problemi ambientali che riguardano il pianeta e anche il territorio locale, del corretto uso delle risorse e del rispetto del bene comune, della mobilità sostenibile.
 
Tutti i temi vengono presentati nell'ambito lezioni che mirano a coinvolgere in modo attivo gli studenti attraverso giochi, letture e proiezioni in power point. L'obiettivo è far emergere le loro opinioni, spingerli ad esprimersi sulle tematiche ambientali e stimolare il loro senso critico su argomenti di grande attualità. Quest'anno sono state coinvolte le scuole elementari “Crispi”, “De Gasperi”, “Sanzio”, “Nicolodi” e quelle di Ravina, Cognola e Clarina, le scuole medie “Bronzetti”e “Pedrolli” e gli studenti dell'ENAIP, per un totale di 150 ore. Le lezioni sono state condotte dalla volontaria del servizio civile Francesca Nardin.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento