Cade mentre libera la strada dagli alberi, muore cinque giorni dopo al S. Chiara

Non ce l'ha fatta Fabio Biasi, 59enne di Levico, caduto cinque giorni fa da un muretto mentre era all'opera per liberare la strada forestale dalle piante abbattute

Stava liberando la strada forestale dalle piante, abbattute dal vento, quando è scivolato da un muretto battendo la testa. A cinque giorni dall'incidente non ce l'ha fatta. Fabio Biasi, 59enne di Levico, si era messo a disposizione per dare una mano, dopo il maltempo di fine ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il terribile incidente risale a venerdì 9 novembre. Biasi stava lavorando per rimuovere gli alberi caduti dalla strada che porta in località Valletta. E' scivolato ed ha perso l'equilibrio, cadendo rovinosamente a terra. Subito soccorso, è stato trasportato in condizioni disperate all'ospedale S. Chiara, dove è spirato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

  • Valfloriana: auto e moto a fuoco dopo lo schianto, una persona ha perso la vita

  • Covid, picco di contagi in Trentino: 76 nelle ultime 24 ore

  • Valfloriana, incidente mortale: motociclista muore carbonizzato

  • Coronavirus: 32 nuovi casi, ci sono altri 3 contagiati nelle scuole

  • Studente positivo asintomatico: isolati compagni di classe ed insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento