Polo fieristico all'ex Italcementi, piazzale Sanseverino torna al Comune

La Giunta ha approvato, su proposta del presidente Rossi, il Programma delle attività di Patrimonio del Trentino per il triennio 20017-2019. Sull'area abbandonata sarà realizzato il nuovo polo espositivo di Trento Fiere

Polo espositivo all'ex Italcementi: l'ipotesi si concretizza con il nuovo programma di attività 2017-2019 di Patrimonio del Trentino. E' quanto comunica una nota  della Provincia diffusa oggi pomeriggio, nella quale si dice solamente che la Giunta ha  approvato il programma, il quale prevede la realizzazione del nuovo CTE sull'area  dismessa. L'attuale polo fieristico del CTE in via Brimasco, com'è noto, sarà a breve occupato dall'Università.

Il nuovo polo sarà quindi realizzato nell'area dell'ex cementificio, tutt'ora abbandonata, di proprietà provinciale. Prima però ci sarà un altro passaggio ovvero la cessione daparte dell'Università di piazzale Sanseverino a Trento Fiere, società controllata, che dovrebbe in seguito cederlo al Comune.

Un giro di valzer per il piazzale: era stato ceduto dal Comune alla Provincia per  realizzarvi la nuova biblioteca universitaria. Il progetto tramontò e fu preferita la soluzione di riadattare il Palacongressi di Renzo Piano nel quartiere Le Albere, oggi sede della nuova biblioteca. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda il nuovo polo fieristico sull'area, tutt'ora  abbandonata, dell'ex cementificio si dice  solamente che la struttura, dal costo pari a 3,6 milioni di euro (sic) sarà realizzato con risorse di Patrimonio del Trentino che rientreranno grazie ad un contratto di locazione che sarà pagato con le azioni che il Comune di Trento detiene ad oggi in Trento Fiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento