Ex-Argentina: i costruttori impugnano il sequestro

Ieri i carabinieri del Noe hanno posto i sigilli ad una ventina di appartamenti non ancora occupati. Se dal punto di vista politico non si intravedono ripercussioni immediate sul piano legale si annuncia invece una lunga e dura battaglia. I costruttori del complesso edilizio hanno annunciato infatti di voler impugnare il provvedimento di sequestro

Lottizzazione abusiva aggravata in concorso: è questa l'ipotesi di reato per i dieci indagati coinvolti nell’inchiesta sul complesso edilizio Olivenheim, l’ex sanatorio Argentina di Arco. Il vicesindaco di Arco Stefano Bresciani, che nel 2009 era presidente della commissione edilizia si dice tranquillo. Il suo nome, assieme a quello cdei costruttori Roberto e Gianluca Miorelli figura nell'inchiesta della procura di Rovereto. Ieri i carabinieri del Noe hanno posto i sigilli ad una ventina di appartamenti non ancora occupati. Se dal punto di vista politico non si intravedono ripercussioni immediate sul piano legale si annuncia invece una lunga e dura battaglia. I costruttori del complesso edilizio hanno annunciato infatti di voler impugnare il provvedimento di sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due pastori del Caucaso "terrorizzano" Oltrecastello: passante morso al braccio

  • Paura vicino ai mercatini di Natale, ragazzo accoltellato alla pancia: è grave

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Incidente a Segonzano: ferito 12enne. I vigili del fuoco: "Decima volta in quel punto"

Torna su
TrentoToday è in caricamento