Cronaca

Gli esercenti: "Più sicurezza in centro, non solo a parole"

Il presidente dell'Associazione dei pubblici esercizi Buratti chiede "di fare rispettare le regole e mandare segnali precisi ed inequivocabili con punizioni esemplari che dimostrino che il territorio è presidiato"

I pubblici esercizi di Trento sono costretti a ricorrere alla polizia privata? A chiederlo è l'Associazione dei pubblici esercizi di Trentino. "Ormai assistiamo a frequenti episodi di vandalismo e microcriminalità - dice il presidente Giorgio Buratti -. Sono all’ordine del giorno situazioni che creano danni anche consistenti alle attività economiche e che rischiano di compromettere l’immagine di città turistica che ci adoperiamo a costruire e rafforzare in previsione anche della stagione estiva. Il centro storico è diventato un “ricettacolo” di giovani sbandati e facinorosi autori, praticamente ogni giorno, di tensione, atti di delinquenza, minacce, risse come se fosse un loro “territorio".

Il presidente dell’Associazione dei pubblici esercizi del Trentino e il consigliere per il C5 e referente per la città Walter Botto, hanno incontrato il sindaco di Alessandro Andreatta per chiedere "di fare rispettare le regole, e mandare segnali precisi ed inequivocabili con punizioni esemplari che dimostrino che il territorio è presidiato, e non solo a parole".
 
Il sindaco ha parlato degli incontri periodici con il Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico, in cui questo argomento è stato affrontato. "In termini di raffronto con altre realtà - ha però precisato Andreatta - gli altri soggetti deputati alla sicurezza della città ritengono Trento una città vivibile. Nonostante ciò – ha concluso - terremo nella giusta considerazione le esperienze riportate dall’Associazione e mi farò carico di ricondurle in sede, appunto, del prossimo Comitato. Al tempo stesso verificheremo soluzioni ed eventuali indicazioni alla Polizia Municipale affinché le regole già scritte vengano rispettate".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli esercenti: "Più sicurezza in centro, non solo a parole"

TrentoToday è in caricamento