rotate-mobile
Cronaca

Escursionisti stanchi, in difficoltà e infortunati: tutti gli interventi di domenica

Diverse le chiamate arrivate al Nue 112 da persone in difficoltà, stanche o che si sono infortunate durante le escursioni

Si è concluso poco dopo le 20 di domenica 5 marzo  un intervento in soccorso di due escursionisti, un uomo del 1993 residente in provincia di Mantova e una donna del 2000 della provincia di Treviso, lungo il sentiero 277 a monte di Malga Ritorto (Val Rendena). I due si trovavano, insieme a un cane, a una quota di circa 1.900 m.s.l.m., a monte di Malga Ritorto, quando hanno chiesto aiuto al Nue (Numero unico per le emergenze) 112 intorno alle 16.30 perché sfiniti e in difficoltà a proseguire nella neve alta che li faceva sprofondare. 

La Centrale unica di Trentino Emergenza, con il coordinatore dell'area operativa Trentino occidentale del Soccorso alpino e speleologico, ha chiesto l'intervento della stazione di competenza di Madonna di Campiglio. Tre operatori sono saliti con il mezzo fino a malga Ritorto e da lì con gli sci d'alpinismo, raggiungendoli in circa 30 minuti. I due escursionisti sono stati dotati di attrezzatura idonea per la discesa su terreno innevato, di cui erano sprovvisti, e quindi accompagnati a valle in sicurezza fino a Madonna di Campiglio e poi a Sant'Antonio di Mavignola, dove avevano la macchina. 

Contemporaneamente, la Stazione di Madonna di Campiglio è stata allertata per prestare soccorso a un'escursionista con le ciaspole, infortunatasi alla caviglia sul sentiero 331, tra il Monte Spinale e il rifugio Graffer. La donna ha chiamato il Nue 112 intorno alle 16.15, non riuscendo più a proseguire in autonomia. Due soccorritori la hanno raggiunta in motoslitta, le hanno prestato le prime cure, per poi accompagnarla a valle con il mezzo.

Intorno alle 13 la Centrale Unica di Trentino Emergenza è stata allertata per un'escursionista che si è infortunata ad un ginocchio mentre si trovava su un sentiero in Val Terragnolo nei pressi della località Valduga. L'infortunata è stata raggiunta a piedi dagli operatori della Stazione Vallagarina del Soccorso Alpino, che le hanno prestato le prime cure sanitarie. Successivamente, la hanno imbarellata per trasferirla a piedi fino alla strada in località Valduga, dove è stata affidata all'ambulanza.

Intorno alle 13.30 due escursionisti hanno chiamato il Nue 112 perché in difficoltà sul sentiero ghiacciato nella zona del Pian Pecei (Ciampedie, Val di Fassa). I due sono stati raggiunti dagli operatori della Stazione Centro Fassa e aiutati a rientrare a valle in sicurezza.

Intervenuto anche l'elicottero, poco prima delle 13, per uno scialpinista infortunatosi ad un arto inferiore nel gruppo dell'Ortles Cevedale, nella zona del rifugio Casati. L'uomo è stato soccorso ed elitrasportato all'ospedale di Sondalo (SO). Non è stato necessario l'intervento degli operatori della Stazione di Pejo, pronti in piazzola per dare supporto. 

Ultime notizie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Escursionisti stanchi, in difficoltà e infortunati: tutti gli interventi di domenica

TrentoToday è in caricamento