Cronaca

Eroina nei tappi di bottiglia: un altro pusher in manette

I poliziotti avevano notato un insolito numero di tappi di bottiglia deformati vicino ad alcune panchine di parchi pubblici. Insospettiti da questi strani ritrovamenti, “gli Orsi” hanno iniziato a tenere sotto osservazione alcuni punti nevralgici della città per capire se vi fosse qualcosa di più di un semplice tappo di bottiglia

Aveva addosso venti dosi di eroina nascoste all'interno di tappi di bottiglia, un altro spacciatore nigeriano è stato arrestato, nel pomeriggio di giovedì 10 giugno, dalla Squadra Mobile, unitamente alla Polizia Locale di Trento. Da diverso tempo gli investigatori della sezione criminalità diffusa, “gli Orsi”, della Squadra Mobile di Trento, insieme agli agenti della Polizia Locale, tengono sotto controllo il centro cittadino per un’azione di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. Le attività di osservazione e monitoraggio della criminalità diffusa sono state intensificate per disposizione del Questore Claudio Cracovia.

Nei giorni precedenti all'arresto del pusher, i poliziotti avevano notato un insolito numero di tappi di bottiglia deformati vicino ad alcune panchine di parchi pubblici. Insospettiti da questi strani ritrovamenti, “gli Orsi” hanno iniziato a tenere sotto osservazione alcuni punti nevralgici della città per capire se vi fosse qualcosa di più di un semplice tappo di bottiglia.

Confusi tra la folla che ogni giorno riempie il centro cittadino, gli investigatori hanno iniziato a studiare i movimenti di un nigeriano che è apparso da subito sospetto agli occhi attenti ed esperti dei poliziotti. In questo modo hanno potuto osservare che lo straniero in effetti era sempre vicino a panchine contornate da alcuni tappi di bottiglia deformati.

A questo punto, dato che il comportamento si faceva ancora più strano, “gli Orsi” hanno continuato a monitorare l’uomo, pedinandolo a distanza e dopo diverse ore hanno potuto osservare un rapido scambio tra il cittadino nigeriano ed un altro uomo. A questo punto gli uomini della Squadra Mobile e della Polizia Locale sono tempestivamente intervenuti per fermare il sospettato e lo hanno rontamente perquisito.

I presentimenti degli investigatori sono stati confermati: l’uomo aveva nelle tasche alcuni tappi di bottiglia ripiegati su se stessi che contenevano eroina per un totale di venti dosi. Il pusher è stato immediatamente arrestato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eroina nei tappi di bottiglia: un altro pusher in manette

TrentoToday è in caricamento