Cronaca Centro storico / Via Giuseppe Verdi

UniTN: dall'anno prossimo si va in Erasmus anche in Giappone

Si aprono nuovi orizzonti, in oriente, per gli studenti di Trento: tre posti all'interno del programma Erasmus + con l'Università di Nagasaki

Per gli studenti erasmus di Trento si aprono nuovi orizzonti verso il Sol Levante: l'ateneo ha  infatti firmato una convenzione con l'Università di Nagasaki per attivare il programma Erasmus + che permetterà scambi di studenti tra le due città. La mobilità riguarderà sei studenti e due docenti per programmi di cinque mesi. Inoltre si sono pianificate delle iniziative di collaborazione con l’Università di Chiba e l’Università di Kanazawa per avviare accordi di scambio.

I rapporti tra Trento ed il Giappone si stringono anche sulla scia di un convegno organizzato dai due atenei venerdì scorso a Rovereto con la presentazione dei primi dati emersi da una ricerca congiunta sulle primissime interazioni tra madre e figlio eseguita parallelamente dal Dipartimento di Scienze Cognitive di Rovereto e dalle università  di Nagasaki, Chiba e Kanazawa. In particolare la ricerca ha fatto luce sull'influenza dell'educazione ricevuta quando è arriva il  momento, per una donna, di prendersi cura a sua volta di un figlio o di una figlia.

Secondo i dati emersi dalla ricerca le dinamiche comportamentali si conservano da una generazione all’altra sia per la perseveranza genetica sia per la trasmissione culturale, quelle che si potrebbero definire "abitudini di famiglia". Che abitudini e stili di vita si tramandino culturalmente non è una novità, ma l'apporto di fattori genetici a questa trasmissione comporta un nuovo  approccio alla questione culturale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

UniTN: dall'anno prossimo si va in Erasmus anche in Giappone

TrentoToday è in caricamento