menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Darknet: droga comprata nel "web oscuro" e pagata in bitcoin

Parte da Francoforte l'indagine condotta dalla Polizia trentina, che ha poortato a smascherare un traffico di droga che utilizzava il cosiddetto Darknet

Operazione “Darknet”: cinque italiani ed uno straniero arrestati dalla Polizia di Trento per stupefacente importato dalla Spagna. L’indagine da cui sono scaturiti i cinque arresti eseguiti il 13 dicembre 2018, nasce dal sequestro effettuato l’8 agosto 2017, all'aeroporto di Francoforte di una busta contenente 20 grammi di cocaina destinata ad un cittadino italiano.

La Direrzione Centrale Servizi Antidroga di Roma ipotizzò in base ad alcuni dettagli dell'involucro, che la droga fosse stata acquistata su Darknet, una rete web "segreta", difficilmente accessibile. Ipotesi che risultò poi fondata, e che portò anche a rintracciare il pagamento attraverso bitcoin, la "moneta virtuale"

Ad un anno di distanza dal fatto, nell'agosto 2018, la Squadra Mobile di Trento eseguì una perquisizione in casa del soggetto fermato a Francoforte, trovando altri 50 grammi di cocaina e mezzo chilo di marijuana. Negli stessi giorni un'altra perquisizione portò ad un secondo arresto: in quell'occasione i poliziotti trovarono più di 8 chili di  marijuana, insieme a quasi 6000 euro di banconote false.

Altro episodio che si collega ai primi due, e che ha permesso di tirare le fila dell'operazione: nel settembre scorso a Rovereto venne fermato un camion proveniente dalla Spagna con a bordo 18 chili di marijuana e 3500 euro in contanti, stavolta veri. Il denaro, secondo gli inquirenti, sarebbe servito per pagaare il "lavoro" di uno dei membri della banda.

L'analisi dei telefoni sequestrati in quell'occasione permise di tracciare la rete del traffico internazionale, che passava dal Trentino: tutti gli arrestati, infatti, si conoscevano. I risultati delle indagini hanno quindi portato il Gip ad emettere cique ordinanze di custodia cautelari, di cui tre in carcere e due ai domiciliari, eseguite nei giorni scorsi dagli uomini del Commissariato di Rovereto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le regole per gli spostamenti in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento