Primiero: arrestato cinquantenne con mezzo etto di hashish

In manette un uomo di 48 anni residente a San Martino di Castrozza accusato di rifornire i giovani della valle

Mezzo etto di hiashish ma anche due bilancini di precisione, segno di "attività" lucrosa: è questo il bilancio di una perquisizione svolta alle prime luci dell'alba da parte dei Carabinieri della Compagnia di Cavalese con l'ausilio del cane Zeus dei cinofili di Laives, in casa di un uomo di 48 anni, cittadino ialiano originario della Tunisia residente a San Martino di Castroza, arrestato per spaccio. 

Secondo le informazioni raccolte dai militari di Imer l'uomo era uno spacciatore abituale e riforniva alcuni giovani della valle arrivando a guadagnare, grazie alla vendita della sostannza sequestrata, anche 1200 euro. I carabinieri lanciano anche l'allarme riguardo a sostanze sintetiche, del tutto simili all'hashish "tradizionale", che è invece riicavato dalla pianta della cannabis, che sono molto più pericolose ed aumentano la possibilità di sviluppare dipendenza. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Il supermercato più conveniente di Trento? Ecco il "calcolatore" online di Altroconsumo

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

Torna su
TrentoToday è in caricamento