menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trento, ricoverata e morta a causa del coronavirus: i vicini le rubano 14mila euro

A incastrare le due persone ritenute "di fiducia" le videocamere installate dai figli della signora mentre era ricoverata in ospedale

Ricoverata a causa della pandemia da Covid-19 e derubata dai vicini di casa, incastrati dalle telecamere. La donna, una 74enne nata a Trento, era stata ricoverata all’ospedale Santa Chiara a causa della pandemia da Covid-19 è deceduta per delle complicazioni polmonari il 25 di novembre. I figli, un uomo ed una donna, rispettivamente di 42 e 44 anni, residenti a Trento, si sono resi conto che l'anziana madre aveva subito un furto, perché quando è stata ricoverata avevano installato una telecamera all’interno dell’appartamento, lasciato incustodito. 

Oltre al dolore per la perdita della madre, hanno dovuto affrontare l'enorme delusione di una fiducia tradita. Infatti, con enorme stupore l’uomo e la donna, visionando le immagini dell’apparato di video sorveglianza, hanno scoperto che il furto era stata perpetrato dalla vicina e dal compagno di quest’ultima, una guardia giurata. A loro, l’anziana donna deceduta aveva lasciato le chiavi della propria abitazione, ritenendo che fossero due persone affidabili.  

La Squadra Mobile, a cui sono state affidate le attività investigative, ha richiesto, e ottenuto, immediatamente dalla Procura della Repubblica di Trento un decreto di perquisizione dell’abitazione dei due ladri e di altri luoghi che fossero ritenuti sospetti. All’interno della casa dei due, però, non è stato trovato alcunché. Gli agenti della Questura di Trento sono però riusciti a rintracciare un locale interrato nei pressi di via Mazzini, in uso alla guardia giurata. Proprio nella cantina, è stata ritrovata la somma sottratta, circa 14mila euro ed è stata restituita ai figli della vittima deceduta a causa del coronavirus.

I due ladri sono stati denunciati ed alla guardia giurata è stata ritirata l’arma nonché il porto d’arma. Toccherà ora al Questore di Trento decidere se revocare del tutto il titolo che consente di poter girare armato all’uomo nonché di esercitare la professione di vigilantes.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento