Giovane donna incinta trovata morta in casa: arrestato il marito

L'episodio a Versciaco, Alto Adige. L'uomo si è chiuso in un assoluto silenzio e non ha saputo spiegare quanto accaduto alla moglie

Repertorio

Una donna di 28 anni in avanzato stato di gravidanza è stata trovata morta nel suo letto. È accaduto giovedì 30 gennaio a Versciaco, in Alto Adige. Il marito 38enne, pakistano come la ragazza, è stato inizialmente trattenuto in caserma e poi arrestato: l'uomo non ha saputo spiegare ai magistrati  e agli investigatori cosa che era accaduto alla coniuge.

Il ritrovamento

Dopo il decesso il 38enne avrebbe telefonato freneticamente ai suoi colleghi e ai suoi vicini di casa, circostanza che - spiegano gli inquirenti - sembra suggerire la volontà di tenere un basso profilo sulla vicenda. Dopo l'allarme sul posto sono accorsi il 118, i carabinieri, la scientifica e due sostituti procuratori di Bolzano. A causa della giovane età della donna, l'ipotesi di una morte naturale è apparsa anomala a magistrati e militari. Da subito marito, quattro vicini di casa e tre colleghi dell'uomo sono stati portati in caserma e con l'aiuto di due interpreti, collaboratori della procura della Repubblica di Bolzano, sono stati sentiti fino tarda serata.

L'arresto del marito

Dopo una notte passata in caserma per il marito è stato disposto il fermo. L'uomo, davanti alle contestazioni degli inquirenti rese precise dalle molteplici testimonianze raccolte tra amici e colleghi di lavoro del pakistano, si è chiuso in un assoluto silenzio. Per questo motivo, considerati i gravi indizi a suo carico dell'indagato per omicidio pluriaggravato e considerato il concreto pericolo di fuga, è stato arrestato.

L'ipotesi del soffocamento

Sul corpo della vittima, ritrovata riversa sul letto senza tracce di sangue, è stata disposta l'autopsia che chiarirà le cause della morte. La donna viveva con il marito nell'appartamento di via Anger dove è stata ritrovata priva di vita, in un gruppo di case a prevalente destinazione turistica. A dare l'allarme verso le 11 di giovedì era stata una persona di cui non si conosce l'identità, forse un parente. In base a una prima indagine medica sembra che la 28enne sia morta per asfissia: l'ipotesi è che possa essere stata soffocata con un cuscino oppure strangolata. A morire è stato anche il bambino che tra poche settimane la donna avrebbe dato alla luce.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento