Deve scontare un anno di carcere ma è in hotel: arrestata

Una 26enne croata, responsabile di un furto in abitazione, è finita in manette dopo essere stata fermata a Mezzolombardo

Repertorio

Accusata di furto in abitazione doveva scontare più di un anno di reclusione, ma si trovava in un albergo di Mezzolombardo. I carabinieri di Trento l'hanno arrestata e condotta in carcere dopo averla fermata nel corso di alcuni controlli.

La giovane, di nazionalità croata, era destinataria di un provvedimento giudiziario restrittivo della Procura della Repubblica per i Minorenni di Bologna, emesso nell’ottobre scorso. Ritenuta responsabile di furto, la 26enne è stata portata nel carcere di Trento, dove dovrà espiare una pena di 14 mesi e due giorni di reclusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fondamentale per la riuscita delle operazioni delle forze dell'ordine, si legge in una nota dei militari di Trento, è  la "compartecipazione e condivisione dei cittadini, siano essi vittime oppure soltanto testimoni di fatti illegali, se non inusuali o strani, che se riferiti prontamente, possono essere determinanti alla risoluzione delle investigazioni o delle attività preventive".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento