menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il palazzo del vescovo, in piazza Fiera a Trento

Il palazzo del vescovo, in piazza Fiera a Trento

"Comportamenti moralmente inaccettabili", la diocesi rimuove il parroco di Borgo

"Venuto a conoscenza di comportamenti moralmente inaccettabili e incompatibili con l'esercizio del ministero sacerdotale e pastorale", l'arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, ha allontanato il sacerdote, forse per questioni sessuali

"Venuto a conoscenza di comportamenti moralmente inaccettabili e incompatibili con l'esercizio del ministero sacerdotale e pastorale, l'arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, ha allontanato dalle parrocchie di Borgo Valsugana, Castelnuovo e Olle il parroco don Daniele Morandini". Lo riferisce in una nota l'arcidiocesi di Trento. "Quest'ultimo, assumendosi le proprie responsabilità - viene aggiunto - ha già provveduto a lasciare le comunità, i cui rappresentanti sono stati avvisati nella serata di ieri dal vicario generale, don Marco Saiani.

Don Daniele rimosso dall'incarico, i parrocchiani lanciano la petizione: "Perdonatelo"

L'arcivescovo Lauro, a nome della Chiesa di Trento - conclude la nota - esprime profondo rammarico per l'accaduto e la vicinanza alle comunità coinvolte". Una nota che, però, non specifica quali siano i "comportamenti moralmente inaccettabili e incompatibili con l'esercizio del ministero sacerdotale e pastorale", tenuti da parte del religioso. Si tratterrebbe però, secondo quanto trapela, di questioni che riguardano la sfera sessuale, senza il coinvolgimento di minori e senza il coinvolgimento della magistratura. 

Don Daniele Morandini, 48 anni ancora da compiere, originario della Val di Fiemme, in Trentino, è sacerdote dal 1995 e prima che in queste tre parrocchie è stato cappellano a San Giuseppe a Trento, poi in quella di Aldeno. L'allontanamento dalle funzioni di parroco è al momento l'unico provvedimento preso dall'arcivescovo di Trento, che non ha evidentemente ancora preso ulteriori decisioni sul futuro del prete, al quale per ora la richiesta rivolta è sostanzialmente quella di non celebrare pubblicamente e di non tenere omelie. La decisione, comunicata ieri sera dal vicario generale ai rappresentanti dei consigli pastorali, sembra averli lasciati più che sorpresi, creando un evidente scalpore nelle comunità. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Attualità

Giovo è in zona rossa, cosa si può fare?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento